"Non toglietemi neppure una ruga, le ho pagate tutte care!" ... diceva Anna Magnani al truccatore.
"Voi non potete fermare il vento ... gli fate solo perdere tempo" (F. De Andrè)
"Non preoccuparti di conservare queste canzoni . E se uno dei nostri strumenti si rompe non importa. Siamo finiti nel posto dove tutto è musica. " (Rumi)

mercoledì 4 aprile 2012

Sai perchè mi piace fare le torte?

"Perché dopo posso leccare la ciotola!!

E poi perché partendo da delle cose schifosamente viscide (uova),  riesco a creare una cosa squisitamente buona come la torta!!"


Queste sono le riflessioni del saggio Scimpanzè mentre inforniamo la nostra torta.
Impastando, sperimentando, assaggiando, improvvisando, sbagliando, sporcando, ridendo … ha intuito l’essenza del cucinare per chi si ama.

Questa volta eravamo decisi a preparare i cantucci, rispettando alla lettera la ricetta originale: sarebbe stato un evento, perché non ci succede mai! Infatti, nemmeno questa volta è successo: è stato indispensabile apportare delle modifiche in base a quanto offriva la dispensa. Così la nostra ricetta sperimentale è stata battezzata LA CANTUCCIATA
I nostri ingredienti:
2 uova
200 gr di zucchero
300 gr di farina
200 gr di mandorle pelate
un bicchiere di latte
un cucchiaino abbondante di vodka in cui tengo a macerare una stecca di vaniglia
mezza bustina di lievito per dolci
In una terrina abbiamo montato le uova con lo zucchero e la vodka alla vaniglia, poi abbiamo aggiunto la farina, il latte e il lievito. Per ultime le mandorle, avendo cura di amalgamarle ben bene usando un cucchiaio.
Ne è risultato un impasto morbido e un po’ appiccicoso, che abbiamo versato in una teglia di piccolo diametro (circa 18 cm), rivestita con carta da forno, e aiutandoci con cucchiai l’abbiamo stesa uniformemente.
Cotta a 180° per circa 30 minuti, il risultato è stato una torta molto simile ai cantucci, ma più morbida.
Appena sfornata, prima che si raffreddasse, l’abbiamo tagliata a tocchetti di 2 cm, poiché temevo che si sarebbe potuta indurire (come sarebbe stato con la ricetta originale dei cantucci).
L’abbiamo mangiata a colazione con il latte … anche se con Vin Santo sarebbe stato una finezza …

Buona Pasqua e buona primavera a tutti quelli che passano nel Bosco  

17 commenti:

  1. Un grande!!!! Buona Pasqua anche a te!!!!! Bacioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacione anche a te, e tanta serenità

      Elimina
  2. Buona Pasqua Emanuela, a te e alla tua Famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziana, bello rileggerti ... un abbraccio e tanta gioia anche alla tua famiglia

      Elimina
  3. Mi sembra una grande trovata, anzi, addirittura da brevettare.
    Sai quante volte ho avuto paura di spaccarmi i denti con i cantucci??? :)
    E anche mi piace l'idea di mangiarli a colazione con il latte, al posto del vino santo...
    Quindi grazie per la ricetta e anche a te, tanti e tanti di una Buona Primavera e di una Buona Pasqua!
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato indispensabile apportare delle modifiche, ma il risultato è stato buono, si potrebbe ripetere ...
      Un abbraccio grande

      Elimina
  4. Passeggiando per il bosco ho sentito odor di mandorle...è rimasto qualche cantuccio per me? Ne vado matta! =)

    Che bell'esperienza cucinare insieme!
    Se non dovessimo "sentirci" Buona Pasqua a te e a chi ami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehmmm, sorry ... bisogna essere veramente rapidi per poter sperare di trovare un pezzettino delle torte del Bosco, gli abitanti sono estremamente golosi ...
      Un bacione anche a te, e tanta energia per il tuo nuovo cammino

      Elimina
  5. da provare ASSOLUTAMENTE! Grazie Emanuela per questo post :-) Sei la mamma ideale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dire nemmeno per scherzo che sono una mamma ideale!!! Qualcuno potrebbe pensare che lo dici seriamente!!
      Buona vita ... ;) ... da chi avrò mai preso questo modo di dire ...??

      Elimina
  6. Buona Pasqua e..che delizia la torta! Anche a me piace fare le torte. Mi rilassa e mi fa sentire "bambina".

    RispondiElimina
  7. Inutile dire che tuo figlio è...Trooooppo avanti!!!
    Auguroni per una Pasqua davvero gioiosa e tanta serenità, cara!!!
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Ti auguro una Pasqua felice..... a te ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  9. Leccare la ciotola è semplicemente fantastico ma arriva sempre prima il mio consorte. Tanti cari auguri anche a te.

    RispondiElimina
  10. Ormai la Pasqua è passata... Grazie per quest splendida ricetta. Non avevo mai pensato all'aspetto della trasformazione di cose "schifosamente viscide..." !! ;))
    E poi fare le torte con i bambini è ancora più speciale! Io ne ho fatte tante e ora ho tre figlie che le fanno per me, e che soddisfazione!

    Un abbraccio
    Cinzia

    RispondiElimina
  11. Siamo assenti da un po', eh?

    Andata per boschi :-)?

    RispondiElimina

Facci sapere cosa ne pensi ...